Documento senza titolo

Perseus and Medusa

Perseo e Medusa

 

 

   Perseus and Medusa

          Perseo e Medusa

This is the story of Acrisius, King of the ancient Greek town of Argos, and his only child, the beautiful Princess Danae.

One day Acrisius, who is very worried about what will happen to his kingdom, goes to speak to the oracle, a very wise person, in the town of Delphi. He wants to know if he will ever have a son.

But, the news isn’t good!

The oracle says that he will never have a son and warns him that one day, Danae’s son, his own grandson, will kill him!

On hearing this bad news, Acrisius orders a bronze chamber to be built in the courtyard of his palace, and there he imprisons his daughter.    

 

 

 However, Zeus, the god of all gods, falls in love with that beautiful, but rather unlucky princess and having extraordinary powers, he enters that strong bronze chamber by transforming himself into a shower of gold...     

And not very long after their son Perseus is born. 

Danae succeeds in hiding her baby; but one day, Acrisius hears the cry of a young child coming from his courtyard. He asks his daughter who the father of that child is.  ‘Zeus.’ she replies.

The King cannot really believe that this is his grandson, and at that very moment he remembers the oracle’s words and orders his guards to shut his daughter and his grandson in a wooden chest and to push it out into the sea. 

The chest floats for three days and three nights, and finally reaches the island of Seriphos.  

A fisherman called Dictys finds that chest, and decides to give it to his brother Polydectes, the King of that island.

 

What a surprise for the King and his royal court when the beautiful Danae steps out with her child Perseus.  

For Polydectes, it’s love at first sight, and he asks her to be his wife, being so sure that she won’t refuse. He was a King of course and nobody could refuse him anything! 

But Danae, being a rather picky princess…  takes one look at him and thinks that she really doesn’t like him, at all, and refuses.

The king is very angry and decides that Danae will become one of his slaves.

Times passes and Perseus grows strong, handsome, generous and kind too!

In the meantime, King Polydectes, tries every possible way to persuade Danae to marry him, but Danae has only one thing on her mind... her son, Perseus!

So the king thinks of a plan to get rid of him. He pretends to want to marry a certain princess called Hippodamia. He will hold a banquet where he expects each guest, including Perseus to bring a horse as a gift for his future wife. 

Perseus has no horse to give; so he promises the King he will bring him the head of the only mortal Gorgon, Medusa.

 

 

  

 

The Gorgons were three female creatures one more terrifying than the other. 

Medusa was once a beautiful young girl, who had been cruelly transformed by the jealous Goddess Athena into a creature with golden wings, bronze hands and horrible snakes as hair.

Her gaze turns any unlucky person who dares to look at her into stone! 

  

When Zeus hears about Perseus’s mission, he asks Hermes, the messenger of the gods, to help his son.   

Hermes calls on the help of the Naiads, the kind water nymphs, to give Perseus a pair of winged sandals, so he can move quickly, a magic sack for Medusa’s head, and a helmet to make him invisible. 

Perseus knows he is in the right place when he comes to a gloomy and silent forest where the kingdom of night begins, and where there is no living soul, butonly stones statues of those unfortunate human beings… Medusa’s victims!

Athena lends Perseus her silver shield telling him that he must never look Medusa in the eye, and to use it as a mirror to look at Medusa’s reflection, to avoid becoming a stone himself. 

So, Perseus becomes invisible, thanks to his magic helmet, and walks backwards looking into the polished shield to stop him from falling.  

 Using this trick he safely approaches Medusa who is sleeping soundly with her two sisters, the Gorgons Stheno and Euryale; and carefully aiming his sword, he slices off Medusa’s head!

 

From an enormous gush of blood Pegasus is born, a beautiful white horse with two enormous wings.

Perseus quickly puts Medusa’s head into the sack and flies away from the Gorgons on Pegasus back. 

On his way home he sees a beautiful girl chained to a rock. She is Andromeda, the daughter of the Ethiopian King Cepheus’ who is sacrificing her to the sea monster Cetus, to pacify those terrible vain sea nymphs, the Nereids.  

They are so angry because Andromeda’s mother, Queen Cassiopeia has been saying that she is as beautiful as they are! They hate competition!

Perseus falls desperately in love with Andromeda and frees her and asks her to become his wife.

When the young hero returns home with Andromeda, his mother, Danae has decided to run away with Dictis to escape Polydectes terrible anger.

Perseus asks her to wait as he has to deliver his gift for Polydectes marriage with Hippodamia.

He immediately goes to the King’s palace and pulls out Medusa’s head from the magic sack, and when Polydectes takes one look at it, he instantly turns into stone! 

  

Finally, the island of Seriphos is free from Polydectes’ tyranny, and Dictis becomes the new King.

Perseus returns home with his mother and Andromeda to find Acrisius, his grandfather. Acrisius, however, is still frightened of the oracle’s prophecy and runs away fearing that Perseus can kill him.

Some years later Perseus takes part in some games in the very same place where his grandfather is living.

Unfortunately, during the discus competition, Perseus’ throw is caught up in high wind and strikes his grandfather who is sitting right there among the crowd… Acrisius dies!  

The prophecy was sadly fulfilled.

Perseus gives Medusa’s head to Athena and that gruesome trophy is still there... on her shiny shield! 

 

theimer_scudo_atena.gif - 69.53 KB

Questa è la storia di Acrisio, re della antica città greca di Argo, e della sua unica figlia, la bellissima principessa Danae.

 

Un giorno Acrisio, che è molto preoccupato per quello che accadrà al suo regno, va a parlare con l’oracolo, una persona molto saggia, nella città di Delfi. Lui vuole sapere se avrà mai un figlio maschio.

 

Acrisio

Ma, la notizia non è buona!

L’oracolo dice che lui non avrà mai un figlio e lo avverte che un giorno, il figlio di Danae, il suo stesso nipote, lo ucciderà!

 

Udendo questa brutta notizia, Acrisio ordina che venga costruita una stanza di bronzo nel cortile del suo palazzo, e lì rinchiude sua figlia.  

 

Ma Zeus, il dio di tutti gli dei, si innamora di quella splendida ma piuttosto sfortunata fanciulla, ed avendo degli straordinari poteri, entra in quella fortezza di bronzo trasformandosi in una pioggia d’oro...

 

E non molto tempo dopo nasce loro figlio Perseo.  

Danae riesce a tenere nascosto il suo bambino; ma un giorno, Acrisio sente il pianto di un bimbo provenire dal suo cortile. Egli chiede a sua figlia chi è il padre di quel bimbo... Lei risponde: ‘Zeus.’

Il re non può credere che quello sia veramente suo nipote, e prorio in quel momento si ricorda le parole dell’oracolo, e ordina alle sue guardie di chiudere sua figlia e suo nipote in una cassa di legno e di gettarla in mare.  

 

perseo e danae.jpg - 39.59 KB

 

La cassa va alla deriva per tre giorni e tre notti, e alla fine raggiunge l’isola di Serifo. 

Un pescatore di nome Ditti trova quella cassa, e  decide di darla a suo fratello Polidette, re di quell’isola.

Che sorpresa per il re e la sua corte reale quando la splendida Danae esce fuori con suo figlio Perseo. 

Per Polidette è amore a prima vista, e chiede a Danae di diventare sua moglie, essendo sicuro che lei non rifiuterà.  Ovviamente lui è un re e nessuno gli può negare niente!  

   

 

Ma Danae, essendo una principessa  piuttosto esigente... gli dà un’occhiata e pensa che non gli piace affatto, e rifiuta. 

Il re va su tutte le furie e decide che Danae diventerà una delle sue  schiave.

Il tempo passa e Perseo  cresce forte, bello, generoso e anche gentile.

Intanto, il re Polidette cerca con ogni mezzo possibile di convincere Danae a sposarlo, ma Danae ha in mente una cosa sola... suo figlio, Perseo! 

Così il re  escogita un piano per liberarsi di lui. Egli finge di volersposare una certa principessa chiamata Ippodamia. Lui terrà un banchetto dove si aspetta che ciascuno invitato, incluso  Perseo, porti un cavallo come dono per la sua futura moglie.  

Perseo, non ha nessun cavallo da donare; così promette al re che gli porterà la testa della sola Gorgone mortale, Medusa.

Le Gorgoni erano tre creature femmine una più terrificante dell’altra. 

Medusa, un tempo era una splendida fanciulla, che era stata crudelmente trasformata dalla gelosa dea Atena in una creatura con ali d’oro, mani di bronzo e degli orribili serpenti come capelli. 

Il suo sguardo trasforma in pietra ogni sfortunato che osa guardarla! 

Quando Zeus sente della missione di Perseo, chiede a Ermes, il messaggero degli dei, di aiutare suo figlio.

Ermes chiede aiuto alle Naiadi, le gentili ninfe della acqua, per dare a Perseo un paio di calzari alati, affinché possa muoversi velocemente, una sacca magica per la testa di Medusa, e un elmo per renderlo invisibile.  

  

Perseo capisce di essere nel posto giusto quando arriva in una foresta triste e silenziosa dove inizia il regno della notte, e dove non c’è anima viva, ma solo statue di pietra di quegli sfortunati esseri umani... Le vittime di Medusa! 

Atena presta a Perseo il suo scudo d’argento e gli dice che non deve guardare mai Medusa negli occhi, e di usarlo come uno specchio per guardare l’immagine riflessa di Medusa, onde evitare di diventare una pietra lui stesso.

Così, Perseo diviene invisibile, grazie all’elmo magico, e cammina all’indietro guardando nello scudo lucido per evitare di cadere.  

Usando questo trucco si  avvicina senza problemi a Medusa che sta dormendo profondamente con le sue due sorelle, le Gorgoni  Steno ed Euriale; e mirando con attenzione la sua spada, taglia la testa di Medusa! 

Dall’enorme zampillo di sangue nasce Pegaso, uno splendido cavallo bianco con due enormi ali.

Perseo velocemente mette la testa di Medusa nella sacca e vola via lontano dalle Gorgoni in groppa a Pegaso!

 

 

 

Sulla via del ritorno vede una bellissima fanciulla, incatenata ad uno scoglio.  E’ Andromeda, la figlia del re etiope Cefeo che la sta sacrificando al mostro marino Ceto, per placare quelle terribili e vanitose ninfe del mare, le Nereidi.

Esse sono furenti perché la madre di Andromeda, la regina Cassiopea, si é vantata di essere splendida come loro! Loro odiano la concorrenza!

Perseo si innamora perdutamente di Andromeda e la libera chiedendole di diventare sua moglie.

Quando il giovane eroe ritorna a casa con Andromeda, Danae ha deciso di fuggire con Ditti per evitare la terribile ira di Polidette.  

Perseo le chiede di aspettare perché lui deve consegnare il suo regalo per il matrimonio di Polidette con Ippodamia. 

Egli va subito al palazzo del  re e tira fuori la testa di Medusa dalla sacca magica, e quando Polidette la guarda, diventa di pietra all’istante! 

Finalmente l’isola di Serifo è libera dalla tirannia di Polidette, e Ditti diventa il nuovo re.

Perseo ritorna a casa con sua madre e Andromeda per trovare suo nonno Acrisio. Ma Acrisio è ancora spaventato dalla profezia dell’oracolo e fugge temendo che Perseo possa ucciderlo.

 

Alcuni anni dopo Perseo partecipa a dei giochi di atletica proprio nello stesso luogo dove ora vive suo nonno.

 

Sfortunatamente durante la gara di lancio del disco, il lancio di Perseo, raggiunto da un forte vento, colpisce giusto suo nonno che è seduto tra la folla... Acrisio muore! 

 

  

 

Così la profezia si è tristemente compiuta.

Perseo dona la testa di Medusa ad Atena e quel macabro trofeo è ancora là... sullo scudo splendente di Atena!